“(…) I pensieri vincono i secoli, vivono immortali, s’innalzano all’eterno.”

“Con le sue sagge azioni Cicerone vinse i gravi pericoli incalzanti nel momento; ma le cose che nella ricerca consegnò ai libri riguardano ogni tempo, e provvedono a lasciare precetti di vita onesta e felice, non solo ai contemporanei, ma anche a quanti son vissuti e vivranno di poi. Le opere di chi non operò nella vita attiva hanno reso gli uomini, da stolti e barbari, docili e gentili… Onde si può concludere che coloro che sono immersi nell’azione giovano certamente, ma nel presente o per breve tempo. Coloro invece che illuminano la natura misteriosa delle cose, sempre gioveranno. Le azioni muoiono con gli uomini; i pensieri vincono i secoli, vivono immortali, s’innalzano all’eterno.”

Da: Quaestiones camaldulenses di Cristoforo Landino (circa 1475). Passo citato in L’umanesimo italiano. Filosofia e vita civile nel Rinascimento di Eugenio Garin

Pier Paolo Alfei

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...