Il doppiogiochismo della Fiat durante la seconda guerra mondiale

(Pier Paolo Alfei)

“(…) Nell’ultima guerra mondiale la Fiat era proprietaria nel Congo di miniere di metalli che servivano all’industria degli Stati Uniti, in guerra contro l’Italia. Ma la Fiat continuò a rifornire gli americani che in cambio bombardarono la Torino di piazza San Carlo ma risparmiarono gli stabilimenti Fiat partecipando a un doppio anzi triplo gioco per cui il nazista Lammers, controllore della produzione industriale dell’Italia occupata, evitava la deportazione degli operai del senatore Agnelli.”

Da: Basso impero di Giorgio Brocca

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...