L’eugenetica durante il Fascismo (parte 1): Corrado Gini e l’espansionismo demografico della Nazione

img-7

P. Alfei.

Negli anni successivi al massacro totale del ’14-’18 la questione eugenetica assunse un’importanza cruciale nel dibattito politico e scientifico italiano (ed europeo in generale). Di ritorno dalla guerra, “falangi di tubercolosi, di psicopatici, di storpi, di mutilati, di ciechi (Ettore Levi, 1921), ovvero una folla oceanica di scadenti surrogati dell’Uomo Nuovo che sarebbe dovuto sorgere dalle ceneri del conflitto, rendevano necessario (secondo la maggior parte degli scienziati italiani) un maggiore intervento attivo dello Stato nella rigenerazione della società.

Al neomalthusianesimo di Ettore Levi che, insieme ad altri studiosi come Pietro Capasso, aveva invocato la necessità di una “sana profilassi sociale” imperniata sul Birth control (“controllo delle nascite”) e sulla selezione dei migliori-riproduttori, si oppose l’interpretazione popolazionista di Corrado Gini (1884-1965). Secondo lo statistico di Motta di Livenza (Treviso) la gestione tayloristica dei “migliori” e degli “inferiori” da parte dello Stato, come teorizzata dai neomalthusiani, avrebbe comportato una sorta di abissale discrasia – perfino “genetica” – nella popolazione (da un lato i “sani”, dall’altro i “patologici”).

Al contrario, secondo Gini, per rigenerare la società bisognava puntare sulla prolificità e sul naturale ricambio sociale delle classi. La svolta popolazionista in linea con le posizioni giniane nella politica demografica fascista si ebbe ufficialmente con il discorso dell’Ascensione pronunciato da Benito Mussolini il 26 maggio 1927 a Palazzo Montecitorio, ma la posizione del Duce a riguardo si era già delineata 4 anni prima a Palazzo Chigi, quando a Pietro Capasso, che espose le ragioni secondo lui valide della difesa eugenica del matrimonio e del Birth control, il Duce controbatté alle posizioni del neomalthusiano, concludendo il suo intervento con questa frase: “Noi abbiamo bisogno di intensamente prolificare“.

bm024357

 

Quest’opera di riflessistorici.com è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...